Disabilitare Google Analytics solo per gli amministratori di un sito

di | 26 Luglio 2019

I servizi per tracciare i visitatori che visualizzano il proprio sito, come Google Analytics, sono strumenti fondamentali per avere un’idea delle performance delle proprie pagine web.

Il problema che sorge è che gli amministratori, creatori di contenuti o qualsiasi altro profilo che gestisce i contenuti di un sito risultano tra gli utenti più attivi. Sul lungo periodo questa attività, che Analytics cataloga come “visitatore”, senza fare distinzione tra utenti e amministratori, va a falsificare i numeri degli utenti reali, cioè quelli che non hanno nessun interesse nella crescita o decrescita dei numeri di un sito.

Questo fatto è molto importante, soprattutto se poi i numeri dei visitatori devono essere la base per la scelta di strategie di marketing.

Come fare?

Utilizzare i cookie

Per tracciare i visitatori Analytics utilizza un breve codice Javascript come questo, presente in ogni singola pagina del sito che il browser di ogni visitatore esegue:

window.dataLayer = window.dataLayer || [];
function gtag(){dataLayer.push(arguments);}
gtag('js', new Date());
gtag('config', 'UA-XXXXXXXX-X');

Molto semplicemente, possiamo definire un cookie da impostare nel browser degli amministratori (per esempio no-tracking) e, con un comando condizionale, dire al codice di eseguire le istruzioni precedenti solo se il cookie non è presente. Il valore del cookie quindi non è rilevante.

// indexOf(str) restituisce -1 se la stringa str non è presente,
// l'indice della prima occorrenza di str altrimenti
if (document.cookie.indexOf("no-tracking") === -1){
    window.dataLayer = window.dataLayer || [];
    function gtag(){dataLayer.push(arguments);}
    gtag('js', new Date());
    gtag('config', 'UA-XXXXXXXX-X');
}

Il cookie può essere impostato anche manualmente nel browser degli amministratori.

Effettuata questa operazione, Google Analytics traccerà solo gli utenti reali che visiteranno il sito, rendendo molto più affidabili i dati raccolti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *